temporary export manager

Un professionista dell’export sempre al tuo fianco

La fornitura di Temporary Export Manager consiste nell’essere affiancati per un periodo di tempo concordato da un professionista esperto in tematiche di internazionalizzazione, al fine di beneficiare di una consulenza personalizzata ed estremamente indirizzata sugli obiettivi, nonché di pianificare un realizzabile percorso di crescita sui mercati internazionali.

I Temporary Export Manager (TEM) di Exportpiù hanno acquisito un’esperienza di più di 15 anni nel settore, hanno fatto carriera in aziende di grandi dimensioni, sono specializzati in mercati e ambiti merceologici specifici e parlano correntemente almeno due lingue straniere.

Che cos’è un temporary export manager

Il temporary export manager, altresì noto come TEM, è un consulente esterno che mette a disposizione delle pmi le proprie competenze specialistiche per aiutarle ad entrare in contatto con i mercati esteri con maggiore potenziale per specifici prodotti e servizi.

Il TEM si occupa di ideare e realizzare un piano di internazionalizzazione volto a raggiungere gli obiettivi inizialmente concordati con il cliente e coordina l’intero processo di sviluppo sui mercati target, come se facesse parte dell’azienda stessa. Inoltre, grazie alle proprie competenze linguistiche e ad uno studio approfondito dei paesi di riferimento, è in grado di interagire direttamente e con efficacia con buyer, importatori e distributori, tenendo conto delle differenze culturali e delle abitudini commerciali dei propri interlocutori.

Come si svolge la collaborazione con il temporary export manager

L’export manager può prestare i propri servizi per un periodo di tempo variabile e solitamente non inferiore ai 6 mesi. Si reca in azienda con frequenza settimanale o bisettimanale e condivide le scelte strategiche, le attività svolte e i progressi ottenuti con la direzione aziendale. Il periodo della collaborazione, la presenza in sede e la frequenza dei rapporti tra il committente e lo specialista dell’export vengono concordati prima dell’avvio del progetto, tramite la stipulazione di un contratto.

Di cosa si occupa concretamente il temporary export manager

I temporary export manager di Exportpiù si occupano solitamente delle seguenti attività:

  • Export check-up
  • Individuazione e studio dei mercati target
  • Redazione di un piano per l’export
  • Stesura di una lista, costantemente aggiornata, di contatti di potenziali clienti, distributori, terzisti e agenti
  • Attività di primo contatto, follow up e sviluppo delle relazioni con i clienti esteri
  • Assistenza nella redazione delle offerte commerciali
  • Gestione delle richieste di preventivi e di campionature
  • Trattative commerciali
  • Ricerca e selezione di manifestazioni fieristiche e supporto strategico e commerciale durante l’evento
  • Pianificazione di incontri b2b
  • Assistenza pre e post vendita
  • Gestione e utilizzo di strumenti e canali digitali utili per interagire con gli utenti in target.

Siamo spiacenti, in questo momento non è possibile commentare.