Consorzi per l’internazionalizzazione, aperto il nuovo bando dell’Emilia-Romagna

 Consorzi per l'internazionalizzazione - Bando 2019-2020

Favorire processi di internazionalizzazione delle pmi in forma aggregata sostenendo le attività collettive svolte attraverso i consorzi per l’internazionalizzazione: è questo l’obiettivo del nuovo bando per l’export pubblicato da Regione Emilia-Romagna, che prevede la concessione di contributi a fondo perduto per le attività ammissibili che verranno svolte nel biennio 2019-2020.

L’agevolazione sarà destinata a progetti relativi ad attività di sviluppo e di posizionamento sui mercati esteri dei consorziati. Tali progetti saranno condotti direttamente dai consorzi e dovranno favorire la partecipazione delle imprese aderenti.

I soggetti beneficiari

Il bando  è rivolto ai consorzi per l’internazionalizzazione con sede legale in Emilia-Romagna e costituiti prevalentemente da imprese con sede legale o unità operativa nel territorio regionale. I consorzi dovranno essere in possesso dell’accreditamento “Entry level”o “Advanced level” (o dovranno aver effettuato la richiesta) entro la data di presentazione della domanda.

Per saperne di più sui consorzi per l’internazionalizzazione e sul processo di accreditamento, consulta il bando.

Le spese ammesse dal bando per i consorzi

Le spese ammissibili, che dovranno essere coerenti con gli obiettivi del progetto di internazionalizzazione dei consorzi, sono le seguenti:

  • Spese promozionali del consorzio (tra cui spese per video, materiale promozionale, pubblicità, sito web, piani di marketing, affitto e allestimento di spazi per conferenze ed incontri);
  • Spese di incoming relative all’ospitalità di operatori esteri in Emilia-Romagna;
  • Spese di consulenza e accreditamento;
  • Spese di partecipazione a fiere (in Italia e all’estero) in forma collettiva;
  • Spese di comunicazione;
  • Spese di personale e di gestione.

Le caratteristiche dell’agevolazione

La misura prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto che potrà coprire fino al 50% delle spese ammesse. L’importo massimo dipenderà dal numero di imprese all’interno del consorzio e non potrà superare il valore di 150.000 euro. I progetti dovranno ad ogni modo prevedere un spesa complessiva ammissibile di almeno 30.000 euro.

Saranno prese in considerazione le spese sostenute tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2020.

Come partecipare al bando per i consorzi

Per partecipare al bando rivolto ai consorzi per l’internazionalizzazione occorre inviare la propria domanda entro le 16.00 del 17 maggio 2019. La documentazione dovrà essere trasmessa tramite l’applicazione Sfinge 2020.

 

Hai bisogno di supporto per l’ideazione e lo sviluppo del tuo progetto di internazionalizzazione? Scrivici a segreteria@exportpiù.it, ti spiegheremo come possiamo aiutarti!

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailShare

Inserisci un commento